Caorle, piccola isola di pescatori, ha origini molto antiche. Numerosi sono i reperti romani ritrovati nel suo comprensorio, che si possono ammirare presso il museo civico e il museo del sagrato di Caorle.

Il centro storico è caratterizzato da calli e campielli ed è animato dai vivaci colori delle facciate delle case.

Il porto, all'entrata del paese, ospita numerose imbarcazioni e le più suggestive sono i bragozzi, le cui vele riportano i simboli delle antiche famiglie di pescatori locali.

La cattedrale di Santo Stefano e il campanile cilindrico, unico al mondo per la singolare forma, si ergono in Piazza Vescovado. Innumerevoli le opere artistiche ivi contenute, tra le quali la più famosa è la Pala d'Oro, custodita dietro l'Altare Maggiore.

Molto bella è la chiesa della Madonna dell'Angelo, sull'estremità est della diga di Caorle. All'interno è riposta la statua della Vergine, che ogni anno, durante la tradizionale processione della Festa della Madonna, viene trasportata dalla chiesetta alla cattedrale. A rito ultimato, il campanile viene "incendiato" e i bagliori nella notte creano un'atmosfera veramente suggestiva.

Da non perdere la "scogliera viva", una raccolta di sculture ricavate dagli scogli della diga a opera di artisti di fama internazionale.